fbpx
Come ricevere visite sul blog quando hai appena iniziato
Settembre 12, 2018
Realizzare un blog con WordPress nel 2019: la guida completa per avere successo in rete
Ottobre 2, 2018

Come aumentare la Domain Authority del tuo dominio in sole due settimane

Arrivare a toccare la prima posizione su Google per una determinata parola chiave è il sogno di praticamente ogni blogger, webmaster o esperto SEO. Arrivare in cima ai risultati di ricerca può tuttavia non essere facile, specialmente per parole chiave molto competitive. In questo articolo, voglio spiegarti come aumentare la Domain Authority del tuo sito web può aiutarti a raggiungere le vette più alte dei risultati di ricerca. Inoltre, ti fornirò anche un metodo di lavoro efficace per ottenere dei risultati concreti in termini di Domain Authority nel giro di sole due settimane di lavoro.

N.B. In queste due settimane, ti chiederò di sporcarti molto le mani per riuscire ad arrivare ad un risultato soddisfacente. Potrebbe volerci del tempo in più per vedere i risultati concreti in termini di Domain Authority. è fisiologico, per gli interventi di questo tipo, c’è bisogno di avere un po’ di pazienza 🙂

“La sulla vetta della montagna”: quanto conta trovarsi in prima posizioni in termini di CTR?

Arrivare in prima posizione all’interno di una ricerca fa un’enorme differenza in termini di CTR medio rispetto anche soltanto al sito web che si trova in seconda posizione.

Come puoi vedere dal grafico che ti ho riportato sotto, trovarsi in seconda posizione in SERP vuol dire avere circa il 50% in meno di click da parte degli utenti, rispetto al nostro competitor che invece si trova in prima posizione.

CTR Google SERP

CTR su Google in relazione alla posizione esatta in SERP (https://www.advancedwebranking.com/blog/google-organic-click-through-rates-2014/)

Va da se che trovarsi in prima pagina, anche se non in prima posizione, ha comunque un certo valore rispetto a trovarsi in seconda o terza pagina, dove solitamente, quasi nessun utente arriva mai.

Eppure, sicuramente avrai trovato difficoltà a posizionarti anche in questo contesto e di sicuro, ti sarai chiesto il motivo di questa enorme fatica.

Ebbene, uno dei fattori che sicuramente vanno ad incidere sul posizionamento del tuo sito web nei motori di ricerca e più nello specifico, nei risultati di ricerca per le tue parole chiave, è la Domain Authority del tuo dominio.

Comprendere come funzioni questa metrica, introdotta da Moz, è fondamentale per impostare un metodo di lavoro efficace per posizionare correttamente il tuo sito web.

Cos’è la Domain Authority e come influisce sul posizionamento del tuo dominio

La Domain Authorithy [DA per gli amici] è una metrica, introdotta e sviluppata da Moz, che va ad associare a ciascun dominio un punteggio variabile da 0 a 100. Questo punteggio, misura l’affidabilità di un certo dominio e quantifica matematicamente la probabilità e la facilita di posizionare efficacemente un suo contenuto. Maggiore il punteggio, maggiore la qualità del sito web.

In sostanza, la Domain Authority è il voto che Moz assegna al tuo sito web.

Quanto conta la Domain Authority in termini di posizionamento in SERP?

Per comprendere l’importanza della Domain Authority in termini di posizionamento in SERP, voglio portarti un esempio concreto e verosimile, ovvero quello del sito web di un mio cliente, florencepass.com.

FlorencePass è un tour operator fiorentino che utilizza il suo sito web per vendere dei tour guidati nella città di Firenze. Come lui, anche altri competitor dello stesso settore utilizzano lo stesso metodo di vendita.

FlorencePass ha una Domain Authority pari a 22 nel momento in cui scrivo questo articolo (tranquilli, ci stiamo lavorando sopra…) ed il suo articolo di punta, super posizionato su Google è “Visita guidata alla Galleria Palatina di Firenze”.

Immaginiamo ora che un nascente competitor dello stesso settore, un ipotetico FlorenceTopMuseums, con Domain Authority più bassa, supponiamo 11, pubblichi un tour basato sulla stessa parola chiave “Galleria Palatina di Firenze”.

I due siti web entrano in competizione per aggiudicarsi le prime posizioni. Per semplicità, supponiamo che l’ottimizzazione della parola chiave in termini di SEO sia stata fatta in modo comparabile fra le pagine dei due siti web.

Chi verrà posizionato prima in SERP?

La risposta è semplice, FlorencePass. Il motivo è ancor più semplice ed è legato al fatto che una Domain Authority più alta viene vista da Google come indice di contenuti molto validi. Ne consegue che, a parità di ottimizzazione della parola chiave sulle due pagine, FlorencePass risulterà primo in SERP (fra i due).

Supponiamo adesso che FlorencePass si “adagi sugli allori” e smetta di tenere aggiornato ed ottimizzato il suo sito web. FlorenceTopMuseums decide di attuare una grande campagna di ottimizzazione dei contenuti e di creazione di backlink di valore che puntino alla sua pagina “Galleria Palatina”. In pochi mesi, la Domain Authority di FlorenceTopMuseums cresce e supera FlorencePass; di conseguenza, FlorenceTopMuseums diventerà primo in SERP.

Ecco che in questo esempio, abbiamo illustrato quanto è importante mantenere alta la Domain Authority del tuo sito web e quanto questa conti in termini di posizionamento in SERP.

Come viene assegnata e come fare ad aumentare la Domain Authority di un sito web?

Al momento della registrazione di un sito web, la Domain Authority di questo ammonta a 0. Il sito è nuovo ed i motori di ricerca hanno bisogno di tempo per scoprirlo ed assegnare un voto ai suoi contenuti.

La Domain Authority viene aggiornata periodicamente in modo automatico. Non devi richiederne aggiornamenti in alcun modo.

La Domain Authority di un dominio varia in base a molti aspetti, fra cui troviamo:

  • Qualità e quantità dei contenuti presenti
  • Quantità e qualità dei link in ingresso
  • Qualità e quantità di link in uscita
  • Velocità di caricamento del sito web
  • Ottimizzazione SEO
  • Presenza o assenza di materiale illegale
  • Presenza o assenza di Malware sul dominio
  • Sicurezza del dominio: presenza del certificato SSL

Sulla base dell’elenco che ti ho proposto sopra, è lecito affermare che è possibile andare a lavorare sul tuo dominio per andare a modificare in meglio il tuo valore di Domain Authority.

Considera comunque che non è possibile fare un salto da DA 10 a DA 100 in un giorno. Fare un “rush” di contenuti non è il metodo migliore per aumentare la tua Domain Authority. Quello che è possibile fare invece è andare a lavorare in modo chiaro e continuativo sui tuoi contenuti e sull’ottimizzazione del tuo sito web, al fine di garantirti una costante crescita in termini di Domain Authority nel corso dei mesi.

Come visualizzare la Domain Authority del tuo sito web

Il primo passo che devi fare per aumentare la Domain Authority del tuo sito web è quello di valutare il tuo “Ground Zero”, ovvero il tuo punteggio di Domain Authority attuale.

Link Explorer

Pagina principale di Llink Explorer, lo strumento di Moz per la valutazione di DA e Backlink

Per visualizzare la Domain Authority del tuo sito web, puoi collegarti al servizio apposito che Moz fornisce gratuitamente, Link Explorer. Inserisci il link alla root del tuo sito web (Es: https://www.fcwebdev.com) e poi premi invio. In pochi secondi, ti compariranno davanti diversi dati molto utili, fra cui:

  • Il punteggio di Domain Authority del tuo sito web
  • Il numero di backlink verso il tuo sito web
  • Il numero di Keywords posizionate per il tuo sito web
  • La proporzione fra backlink acquisiti e persi degli ultimi 60 giorni

Sono tutti dati molto utili, ma quello che ci interessa nello specifico di questo tutorial è il primo della lista, ovvero il tuo punteggio di partenza per la Domain Authority del tuo sito web.

Link Explorer FlorencePass

Esempio di valutazione di un sito web da parte di Link Explorer

Il piano di due settimane per aumentare la Domain Authority del tuo sito web

A questo punto, conosci il tuo valore di Domain Authority. Non spaventarti se vedi un punteggio molto basso, specialmente se il tuo sito web è stato attivato da poco. È arrivato il momento di cominciare a sporcarsi le mani per far crescere la Domain Authority del tuo sito web.

Quello che sto per illustrarti è un piano di lavoro efficace, che ti garantirà un netto miglioramento della Domain Authority del tuo sito web nel giro di massimo un paio di mesi. Tutto quello che devi fare è seguire il piano con costanza e forza di volontà. Vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare!

andamento sito web e domain authority

I risultati ottenuti sul sito web di un cliente. Dopo un brusco calo di popolarità, abbiamo lavorato per migliorarne la DA. Ecco i risultati! (morelliruggeriarchitetti.it)

Giorno 1: Analisi dei backlink e rimozione di tutti quelli indesiderati

I tuoi primi giorni di lavoro dovranno focalizzarsi esclusivamente sull’ottimizzazione del tuo sito web. In questo primo giorno, nello specifico, quello che devi fare è lavorare per controllare tutti i backlink al tuo dominio e richiedere la rimozione di tutti quelli indesiderati.

Per quale motivo dovrei voler rimuovere un backlink al mio dominio?

La risposta è semplice: non tutti i backlink sono buoni.

Se è vero che un ottimo backlink contribuirà alla crescita della Domain Authority del tuo sito web, un backlink proveniente da un dominio penalizzato da Google per qualche motivo comporterà un drastico calo in termini di Domain Authority e potresti a tua volta trovarti ad avere un dominio penalizzato da Google.

Ti stai probabilmente chiedendo come mai un sito truffaldino dovrebbe voler linkare il tuo sito. Ci sono numerose motivazioni per cui questo potrebbe accadere. Eccone alcune:

  • Il tuo dominio era originariamente utilizzato da qualcun altro, potenzialmente collegato ad operazioni truffaldine.
  • Il tuo dominio è stato attaccato da un competitor, con un attacco di tipo Black SEO.
  • (Scenario peggiore) Il tuo dominio è stato bucato da un attacco hacker e ci è stato installata dentro una pagina malevola che adesso l’aggressore sta linkando selvaggiamente.
per aumentare la Domain Authority, è fondamentale un'accurata analisi dei backlink verso il tuo sito web

Un esempio di analisi con link Explorer sul dominio pricetime.net. Si noti l’elevata Spam Score dei domini che puntano ad esso!

Come effettuare un controllo sui backlink al tuo dominio

Niente paura per la lista che ti ho fatto sopra, sono solo possibilità! In ogni caso è buona norma fare un controllo di questo tipo. Per farlo, puoi utilizzare la Google Search Console (se ancora non la utilizzi, questo è un buon momento per installarla. In questo caso, dovrai tuttavia aspettare circa una settimana prima di proseguire, in modo che Google abbia il tempo di collezionare tutte le informazioni relative al tuo dominio per potertele mostrare correttamente).

Per visualizzare i backlink al tuo dominio dalla Google Search Console, segui questi passi:

  • Accedi alla Google Search Console e recati nella scheda della proprietà che vuoi ottimizzare
  • Recati nella scheda Traffico Di Ricerca e poi su link che rimandano al tuo sito. Vedrai tutti quanti i link in ingresso verso le pagine del tuo sito web.

In alternativa, anche Open Site Explorer ti permette di visualizzare i tuoi backlink:

  • Accedi a Moz Link Explorer ed effettua un’analisi come hai già fatto prima.
  • Clicca sul numero di backlink, verrai indirizzato con una pagina contenente tutti gli url linkati ed il relativo Anchor Text.

Cosa stiamo cercando?

Con davanti a te l’elenco dei tuoi backlink, cerca tutte le url di provenienza sospette. Siti con domini puramente numerici, con estensioni strane e con Anchor Text Sospette, ad esempio con testi simil-spam. Annota tutte queste url in un documento di testo txt, ti serviranno fra poco!

Se hai trovato dei backlink sospetti, probabilmente questi proverranno da siti web truffa e saranno state inserite al loro interno da qualche malintenzionato per via di una delle ragioni che ti ho citato sopra. Niente paura, adesso vediamo come sbarazzarcene.

Se non hai trovato alcun backlink sospetto, puoi passare direttamente ai giorni 2-4! Meglio così!

Come richiedere a Google di non considerare i backlink indesiderati

Come riportato dalla guida di Google a questo indirizzo, è possibile richiedere al motore di ricerca di non considerare i  backlink malevoli verso il tuo dominio, al fine di non subire penalizzazioni da parte del motore di ricerca.

Per usufruire di questa funzione, ti servirà il file txt contenente i backlink che ti sei annotato in precedenza.

Collegati all’indirizzo dello strumento di rifiuto dei backlink https://www.google.com/webmasters/tools/disavow-links-main e segui le istruzioni a schermo per caricare il tuo file.

Ecco fatto! Adesso il tuo sito è stato ripulito dai backlink indesiderati. Puoi passare oltre!

Aumentare la domain authority utilizzando lo strumento di rimozione backlink Google

Google ci permette di rifiutare i backlink da parte dei domini indesiderati

Giorno 2-4: Focalizzati sull’ottimizzazione del tuo sito web

Nei prossimi giorni, dovrai focalizzarti sull’ottimizzazione della SEO e della User Experience del tuo sito web. In poche parole, dovrai occuparti di un sacco di cose. Ecco un piccolo elenco da cui puoi partire:

  • Ottimizzare la Home Page del tuo sito web (Qui trovi una guida molto utile che puoi usare)
  • Impostare una corretta gerarchia di heading per la Home Page e per tutte le altre pagine (questo articolo fa al caso tuo)
  • Ridurre i tempi di caricamento del tuo sito (Gestione WP ha un’ottima guida a riguardo)
  • Migliorare l’esperienza utente generale di tutto il sito (Ecco un buon articolo)
  • Favorire la condivisione dei tuoi contenuti mediante l’inserimento di pulsanti social
  • Ottimizzare il sito per i dispositivi mobile (sito web responsive)

Ottimizzare il tuo sito web, sia dal punto di vista della User Experience che della SEO, è fondamentale per riuscire a posizionarlo correttamente all’interno dei motori di ricerca.

Dedica tutto il tempo necessario a completare questo processo nel modo migliore ed utilizza dei tool come Google Page Speed Insite, GtMetrix e Seo Tester Online per verificare i risultati in modo efficace.

aumentare la domain authority utilizzando seo tester online

Ahi ahi ahi! Bisogna rimediare subito! (SEO Tester Online)

N.B. Google Page Speed Insight ti fornirà una valutazione dal punto di vista prettamente tecnico. Per una valutazione sulle prestazioni reali del tuo sito in termini di velocità, utilizza GT Metrix.

Giorni 5-7: Avvia il processo di creazione dei tuoi contenuti

Arrivati a questo punto, il tuo sito web dovrebbe essere pronto per ricevere dei contenuti validi da inserire al suo interno. È arrivato il momento di avviare il processo di creazione di nuovi contenuti per aumentare la Domain Authority del tuo dominio. Il tuo scopo è quello di creare dei contenuti stupendi, ben curati ed approfondito.

Devi creare dei contenuti che si prestino ad essere condivisi dal tuo pubblico, che ne catturino l’attenzione e che non possano essere ignorati! In altre parole, il tuo scopo è quello di creare nove capolavori.

Per farlo, ti suggerisco di procedere in questo modo:

  • Utilizza un tool come Trello, per impostare un flusso di lavoro efficace e tracciare efficacemente i tuoi progressi.
  • Utilizza gli strumenti che la rete ti mette a disposizione per trovare un pool di 9 parole chiavi principali su cui basare la stesura dei tuoi articoli.
  • Studia attentamente i titoli da assegnare ai tuoi articoli, scegliendo le parole chiavi migliori
  • Effettua una ricerca approfondita sui temi che deciderai di sviluppare e comincia a raccogliere materiale utile
  • Imposta i tuoi articoli per attenersi alla “Long Form”, ovvero, cerca di scrivere contenuti di almeno 900-1200 parole

Anche in questo caso, puoi aiutarti con la mia Checklist SEO per impostare correttamente i tuoi contenuti.

trello screenshot

Trello è uno strumento molto valido per organizzare il tuo flusso di lavoro

Non mi aspetto che tu riesca a completare tutti e 9 i tuoi articoli nel corso delle due settimane. Prenditi tutto il tempo necessario per realizzare degli articoli redatti a regola d’arte. Per aumentare la Domain Authority del tuo sito web, dovresti concentrarti sul creare contenuti efficaci e non sulla quantità di questi ultimi. È infatti stato appurato che con gli ultimi aggiornamenti dei suoi algoritmi, Google preferisce i siti web che pubblicano di meno ma che portano contenuti di valore rispetto alla concorrenza.

Come trovare delle parole chiavi efficaci per i tuoi articoli con Google

Per aumentare la Domain Authority del tuo sito web, la scelta di parole chiave opportune è fondamentale.

Per trovare delle parole chiave efficaci per i tuoi articoli, ti consiglio di utilizzare lo Strumento di Pianificazione Delle Parole Chiave, messo a disposizione da Google all’interno di Google Ads.

Per utilizzare lo Strumento di Pianificazione delle parole chiave, collegati a questo link, accedi con il tuo account Google e successivamente clicca in Strumenti -> Strumento di Pianificazione delle Parole Chiave. Clicca poi su Trova nuove parole chiave.

A questo punto, tutto quello che devi fare è inserire un paio di parole chiave di esempio da dare in pasto a Google, che ti restituirà un elenco di parole chiave ad esse correlate che potrai utilizzare per i tuoi contenuti. Ad esempio, potresti scrivere “Suonare il basso” o “Riparare motorino”, a seconda della tua nicchia.

Il mio consiglio è quello di prendere delle parole chiave con bassa o media concorrenza e con un discreto valore di ricerche mensili.

Ripeti il procedimento per tutti e nove i tuoi contenuti, fin quando avrai trovato tutte le parole chiave che ti serviranno.

Come redarre un articolo ottimizzato in SEO ed User Experience

Adesso che hai trovato le parole chiave da utilizzare per i tuoi contenuti, devi pensare a come ottimizzare i tuoi contenuti dal punto di vista della SEO e della User Experience. Per farlo, ti consiglio di fare tesoro della checklist e di leggere anche questo utile articolo di Andrea Gavardi.

Anche in questo aspetto dell’ottimizzazione non devi correre! Ricorda sempre che stai facendo tutto questo per aumentare la Domain Authority del tuo sito web e per questa ragione, assicurati di portare avanti il tuo progetto nel miglior modo possibile!

Giorni 8-10: Completa la stesura di due/tre contenuti

Nei giorni 8-10 dovresti essere in grado di completare due o tre dei tuoi contenuti.

Mi raccomando, assicurati di ottimizzare tutti gli articoli prima di pubblicarli e ricorda anche di inserire delle immagini esaustive al loro interno.

Inserire anche dei contenuti multimediali, come video o infografiche è una buona idea per aumentare il coinvolgimento dei tuoi utenti e ridurre di conseguenza il bounce rate dal tuo sito web.

Quando hai pronti i tuoi articoli, procedi con la pubblicazione, seguendo il tuo solito piano editoriale. Se non ne hai ancora uno (ed è un male), questo articolo fa al caso tuo.

Giorni 10-14: Concentrati sull’ottenere dei backlink per i tuoi contenuti

Adesso che hai dei contenuti pubblicati, è arrivato il momento della parte più importante di tutta questa guida. è arrivato il momento di procurarsi dei backlink per i tuoi articoli. in questi quattro giorni, dovresti riuscire ad ottenere almeno due o tre backlink da siti web della tua stessa nicchia. Mi raccomando però, ricordati che i backlink che devi ottenere devono essere di valore, questo vuol dire che:

  • Devono provenire da siti web affidabili ed affini alla tua stessa nicchia (Google valorizza positivamente i link da siti correlati fra loro)
  • Devono essere contestualizzati correttamente in un articolo adeguato al contenuto del tuo post
  • Nel modo più assoluto, non devono essere creati artificialmente con spam e bot di alcun tipo

Ci sono molti modi in cui puoi procurarti dei backlink per i tuoi articoli, ecco qualche idea da cui puoi prendere spunto:

  • Sfrutta i canali social: se sei iscritto ad un gruppo di blogger del tuo settore, chiedi espressamente!
  • Sfrutta il guest posting: scrivere un contenuto su un altro blog del tuo settore è una grande occasione per linkare un tuo contenuto di valore. Molti blogger consentono la stesura di guest post da parte di altri colleghi; loro guadagnano un contenuto e tu un backlink di valore. Un win-win agreement
  • Acquista un guest post su un sito di valore: alcuni siti web vendono la stesura di contenuti con un link in cambio di una somma economica. può variare da 30€ fino a 100€ di solito.
  • Linka a tua volta dei contenuti validi. Se un blogger vede un nuovo backlink verso il suo sito web, sicuramente andrà a vedere da dove proviene. Di conseguenza, anche lui potrebbe decidere di inserire un link ad un tuo articolo, a patto che ne trovi uno di valore!

Aumentare la Domain Authority del tuo dominio: Conclusione

Sei arrivato al termine delle due settimane. Ottimo lavoro!

Se hai seguito questa guida al meglio, dovresti avere ottenuto diversi contenuti di valore, diversi backlink ed un sito web completamente ottimizzato.

Ora basta sedersi ed attendere il risultato desiderato, giusto?

No.

Adesso che hai imparato un metodo di lavoro efficace e lo hai anche messo in pratica con successo, è naturale aspettarsi l’arrivo di risultati soddisfacenti nel giro di un mesetto. Tuttavia, non devi fermarti adesso, anzi, devi continuare a mettere in pratica questo metodo di lavoro nel giro dei prossimi mesi e dei prossimi anni, al fine di portare continuamente sul tuo sito web dei contenuti di valore utili per i tuoi utenti e generare di conseguenza dei backlink sempre nuovi da parte di siti web sempre più autorevoli.

Keep Up The Good Work!

Filippo Calabrese
Filippo Calabrese
Sviluppatore e designer web. Ho iniziato ad interessarmi di SEO e Digital Marketing fin da giovanissimo ed ora aiuto i miei clienti ad elaborare una strategia efficace che gli permetta di far crescere ed affermare la propria presenza online.

Comments are closed.

Preventivo Gratuito